Sponsor

Arriva l’ ufficialità anche dal Pisa . I 2010 Aldo Callai e Pietro Bellucci andranno a giocare all’ ombra della Torre

37200813_10216716535695232_361308209606033408_n 37238923_10216716548215545_8853576946102042624_n 37274260_10216716540015340_5863239149179371520_n 37278115_10216716544135443_6088652944272523264_n

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Eccoci qua …. e siamo a 6 . Arriva stasera l’ ufficialità da parte del Pisa Calcio per far vestire la casacca nerazzurra ad altri due bambini della Scuola Calcio Vada .

Questa volta tocca a due piccolini del 2010 , il biondissimo portierino dalla folta chioma Aldo Callai ed il fulmineo  e acrobatico bomber Pietro Bellucci . Come detto  , con queste firme sul tesseramento , il Vada dopo questo anno calcistico riesce a far provare a sei suoi piccoli atleti l’esperienza di approdare a Società Professionistiche .

Due bambini alla Fiorentina , due al Livorno e due al Pisa , che dire di più ……se non essere orgogliosi del lavoro fatto e della visibilità che ha acquisito la nostra Scuola Calcio . Aldo e Pietro sono i più piccoli e questo anno facevano parte del gruppo Primi Calci 2010 allenati da Prunecchi , Annecchiarico e Bini .

Seguiti più volte  dagli osservatori della squadra nerazzurra sono riusciti a convincerli grazie alle qualità tecniche e la personalità che già traspare nonostante siano ancora dei mini calciatori .

Ancora una volta la Società A.S.D. Vada invia un grandissimo “In bocca al lupo ” a questi ragazzini , nella speranza che possano crescere , divertirsi e rimanere più a lungo possibile all’ ombra della Torre pendente  . Grande orgoglio per la Società di Via del Mare  e grande stimolo per tutti i bimbi che vestiranno la maglia granata con la consapevolezza che la nostra Scuola Calcio viene seguita e rispettata dalle più grandi realtà professionistiche toscane e che con l’ impegno si possono raggiungere risultati impensabili .

Forza Aldo ….forza Pietro …. comunque VADA ….sarà una esperienza bellissima , mettetecela tutta e portate con voi un po’ di quel salmastro che avete respirato al Campo del Mare .

Leave a Reply